In evidenza

Il futuro del Retail per Walmart

Con il lancio dell’Intelligent Retail Lab (IRL) di Walmart si può parlare di una accelerazione nella applicazioni di intelligenza artificiale nel retail.

Slogan di Walmart per il progetto AI

L’Intelligent Retail Lab di Walmart serve al Retailer per imparare, implementare, testare e migliorare l’intelligenza artificiale in un contesto “reale” di un punto vendita ed è senza paragoni con altre sperimentazioni finora in atto.

Walmart ha creato il suo Intelligent Retail Lab in un punto vendita di oltre 4.500 mq. con più di 30.000 referenze, nel quale ha implementato telecamere, sensori ed hardware all’avanguardia.

Logo IRL Walmart – Intelligent Retail Lab

Secondo quanto da loro dichiarato questo ambizioso progetto posizionerà Walmart come leader mondiale nelle tecnologie di Intelligenza Artificiale applicate. (Guarda il filmato seguente)

Obiettivo di Walmart: promuovere l’innovazione nell’intelligenza artificiale

Walmart dichiara che “I progressi nella tecnologia dei sensori, nell’informatica e nel software ci hanno portato a un momento cruciale: il momento dell’Intelligenza Artificiale è arrivato, e questa tecnologia è pronta a trasformare l’esperienza di vendita e di relazione in negozio. I team di Walmart stanno lavorato per integrare l’intelligenza artificiale innovativa nella nostra attività quotidiana e l’IRL non fa eccezione.”

IRL interactive info screen

Walmart non ha tenuto nascosta questa sperimentazione, ma ha informato i Clienti di quello che sta facendo e mette tuttora a disposizione informazioni e consigli ai Clienti utili a spiegare la presenza della tecnologia nel punto vendita (per altro ben visibile) e la utilizza anche per fornire consigli ai Clienti.

IRL Centro di accoglianza

Walmart, sta velocemente analizzando e sfruttando l’esperienza operativa per valutare nuove soluzioni.

Nel processo di costruzione dell’IRL, (Intelligent Retail Lab) Walmart ha coinvolto tutti i collaboratori dei suoi punti vendita, per studiare ed identificare circa 300 casi possibili di uso dell’ Intelligenza Artificiale nei suoi negozi.

info point

In seguito, Walmart ha poi ridotto l’elenco iniziale non solo a ciò che era tecnicamente fattibile, ma a quello che avrebbe fornito il massimo valore a Walmart e ai suoi clienti. 

Obiettivo essere sia innovativi che pratici

Il progetto opera come una start up, in grado di assumersi più rischi ed essere più agile del colosso distributivo, ma allo stesso tempo è responsabile per Walmart di produrre vantaggi e rendimenti reali.

IRL Interactive Screen

Trasformare l’esperienza del cliente

IRL Levittown ingresso

Questa scelta significa che coloro che realizzano ed implementano la tecnologia devono affrontare una sfida molto più grande, dovendo convivere e confrontarsi in un punto vendita con parecchio traffico di Clienti ed aspettative già consolidate.

D’altra parte in questo modo l’IRL aiuterà Walmart ad imparare come rendere operativi e produttivi i modelli di intelligenza artificiale in un ambiente reale, in modo da poter creare soluzioni che funzionino nella realtà Walmart e su vasta scala, ovvero soluzioni facilmente estendibili a tutti i loro mercati (4700 negozi)

Quali tipi di applicazioni ci possiamo aspettare dall’intelligenza Artificiale ?

Le possibilità, a lungo termine, sono infinite. 

Ma anche a breve termine, IRL è stata in grado di identificare e sviluppare alcune applicazioni significative.

Intanto IRL raccoglie informazioni su ciò che sta accadendo all’interno del negozio attraverso una vasta gamma di sensori, telecamere e processori. 

Tutto questo hardware è collegato da cavi sufficienti per scalare il monte Everest cinque volte e potenza di elaborazione sufficiente per scaricare musica della durata di tre anni (27.000 ore) al secondo.

IRL Data Center

All’interno di IRL, stanno lavorando su una suite di prodotti. 

Alcuni sono progettati per tracciare e rifornire i prodotti, mentre altri rilevano la scadenza degli articoli. 

Altri ancora potrebbero accelerare l’esperienza di acquisto avvisando gli operatori di aprire più corsie di check-out o di garantire che gli ordini online siano pronti per il ritiro. 

IRL information screen

Tutte queste applicazioni lavorano insieme per garantire che i clienti abbiamo ciò che vogliono e quando lo desiderano.

Lungo la strada, (dichiara il Ceo dell’IRL) implementeremo e testeremo un’intera gamma di diversi tipi di sensori, dalle telecamere RGB alle fotocamere con rilevamento della profondità, alle celle di carico. 

Le tecnologie e le tecniche basate sull’intelligenza artificiale che utilizziamo includono la visione artificiale, l’apprendimento automatico e l’interpretazione collaborativa dei dati dei sensori. 

La nostra capacità di utilizzare l’intelligenza artificiale per il rilevamento e la risposta in tempo reale su larga scala ha come obiettivo avere un impatto diretto e immediato sul miglioramento dell’esperienza del cliente.

IRL inside the data center

Aiutare a costruire il futuro del retail

Il compito di IRL ora sarà quello di determinare quanto bene funzioni ciascuna di queste soluzioni e quanto siano scalabili rispetto ad altri luoghi ed altri contesti. 

Il Web Assistant human to human

L’idea sviluppata e presentata da Kasanova, è un interessante assistente human to human, per guidare e consigliare il Cliente durante l’acquisto nel loro sito web offrendo sia supporto che una innovativa shopping Experience.

Di cosa si tratta ?

Web Assistant è un personal shopper, ovvero una persona vera, che accompagna il cliente del sito web, nel fare l’acquisto in un negozio reale Kasanova.

L’addetto è fornito di smart glasses, con telecamera incorporata e sistema audio integrato (Epson)

Questo apparato consente al visitatore del sito Web, di vedere il negozio da remoto, attraverso gli occhi del Web Assistant, ovvero della persona che “si muove nel negozio per Lui” e che al contempo interagisce con lui ascoltando le sue richieste vocali, rispondendo alle sue domande, dando consigli, mostrando i prodotti richiesti, fino all’inserimento degli articoli nel carrello per la consegna a domicilio.

Quali sono le differenze con una normale chat?

Ciò che diversifica questo servizio dalle comuni chat è proprio la possibilità di vedere da casa, attraverso il computer, in modalità live, ciò che si sta acquistando.

Di percorrere il punto vendita, di osservare i prodotti in tempo reale.

Inoltre non interagisci con un chatbot ma con una persona.

La telecamera incorporata agli smart glasses ha una qualità delle immagini elevata che offre una interessante esperienza visiva.

Con questo servizio Kasanova prova a portare tutto il negozio in casa del cliente.

Al fondo dell’articolo una presentazione video della soluzione.

Personalmente, durante il test, mi ha solo un po’ angosciato la promozione dedicata ai consumatori più rapidi: chi realizza gli acquisti in 10 minuti usufruirà di uno sconto del 5%, mentre chi sarà talmente veloce da terminarli in 5 disporrà di uno sconto del 10%…

Per ora il servizio è solo da Personal Computers ma presto dovrebbe arrivare la versione smartphone.

Il servizio web assistant è attivo tutta la settimana con i seguenti orari:

  • lunedì, martedì, venerdì e sabato dalle 9.30 alle 19.30
  • mercoledì e giovedì dalle 10.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 19.30
  • domenica dalle 10.30 alle 19.30.

Se il personale è tutto occupato … dovrai aspettare il tuo turno (come in negozio 😊)

Video esempio Personal Assistant Kasanova

NRF19: Walmart e l’innovazione tecnologica

NRF19 si è aperto domenica mattina con le risposte di Jeremy King, vicepresidente esecutivo e CTO di Walmart, alle domande di Sara Castellanos, reporter del CIO Journal di The Wall Street Journal.

Jeremy King ha parlato di tutti i temi caldi per il mondo del retail (in chiave tecnologica) blockchain, robot, apprendimento automatico, realtà virtuale, servizi cloud, migliore esperienza del cliente, software open source, connettività del negozio, Black Friday, competizione con Amazon, ecc.

Non ha nascosto la forte attenzione a quanto fatto da Amazon con Amazon Go ed il suo personale interesse alla computer vision.

Nell’intervista King ha raccontato di Walmart come di un gigante non solo nelle vendite al dettaglio, ma anche nell’innovazione tecnologica e nella trasformazione dall’interno verso l’esterno dei suoi processi.

Secondo IDC, Walmart è il terzo più grande spender IT in tutto il mondo, dietro solo Amazon e Alphabet.

Nell’ultimo anno, il team tecnologico di Walmart è cresciuto di circa 1.700 persone “e tenteremo di aggiungere altri 2.000 persone alla mia organizzazione“, ha detto King.

La divisione tecnologica dell’azienda sta attualmente assumendo un “Principal Data Scientist / COMPUTER VISION Engineer”, secondo un programma di lavoro che è iniziato ad ottobre.

“La divisione tecnologia di Walmart spiega King, è alla ricerca di ingegneri che vogliamo unirsi al nostro team che ha come obiettivo la realizzazione di funzionalità di computer vision in grado di aumentare i ricavi, ridurre i costi e promuovere un’esperienza di acquisto differenziata per 200 milioni di clienti alla settimana”.

Il lavoro si svolgerà presso il centro di innovazione tecnologica di Walmart appositamente nato per la ricerca basata su Computer Vision e Machine learning e che il vice direttore della modernizzazione tecnologica Chris Enslin, ha annunciato alla conferenza Blueprint di VentureBeat.

Il forte interesse all’innovazione si percepisce anche dalla presenza di esperti Walmart un po’ ovunque si parli o ci sia tecnologia innovativa ed oggi, ultimo giorno di fiera, girando per gli stand mi è capitato d’incontrare persone di Walmart in Pricer (proprio a parlare di rilevamento degli articoli a scaffale con telecamere e A.I.) Google e Microsoft …

Tornando a King, domenica ha raccontato che negli ultimi due anni Walmart ha diviso la sua organizzazione tecnologica in due ovvero CTO e CIO

L’idea è stata quella di focalizzare una parte dell’organizzazione tecnologica sul lato interno del business e l’altra parte sul lato esterno ovvero il mercato retail.

“I clienti, ovviamente, non hanno la percezione della differenza tra Walmart.com e un negozio Walmart”

L’integrazione ha reso tutto più facile non solo da un punto di vista organizzativo, ma ha reso tangibile il fatto che siamo concentrati sui nostri clienti…

A proposito di omnichannel, ad esempio, King ha sottolineato come un cliente che utilizza Walmart Pay in-store, deve, nello stesso modo, utilizzarla su Walmart.com.

Ma, in azienda si ha anche una vista unica sia per i team di e-commerce che per i team in-store.

King ha parlato del successo dell’azienda in termini di risoluzione dei problemi del cliente; ad esempio, il lancio di resi per articoli di terzi venduti attraverso il proprio marketplace online.

Questo è stato “integrato completamente nel negozio”, in modo che i clienti possano far spedire i prodotti da noi o ricevere un’etichetta stampata per farlo da soli.

Walmart ha investito molto nel Machine Learning cogliendo buoni risultati, ad esempio, nei processi di riordino.

Infine, Walmart sperimenta la realtà virtuale, ha internet ad alta velocità in 80 negozi e c’è un nuovo sistema di robot per lo scarico della merce, che contribuisce a scarica le casse e aiuta a ordinare gli oggetti sui pallet per ottenere che arrivino sugli scaffali più rapidamente.

Ciò funziona in combinazione con un robot che scansiona gli scaffali e si accorge quando la disponibilità di merce è bassa ed avverte affinché possa essere fatto immediatamente il rifornimento.

“Parlo sempre con la gente, che mi da un sacco di idee è di fronte a grandi idee chiedo … Ora, come la adatto a 5.000 negozi?'”

Infine King ha sottolineato che Walmart nel 2017 e nel 2018, ha testato un programma denominato “Scan & Go” in 125 negozi.

Il programma consente ai clienti di utilizzare uno smartphone o un dispositivo portatile per scannerizzare gli articoli senza andare in cassa.

King, in questa sede, ha annunciato che questo programma è stato abbandonato, per poca adozione da parte dei clienti ed errori del sistema.

Una bella finestra su un leader non solo commerciale ma anche tecnologico …

NRF 2019 – Trend retail

Comincia l’ultimo giorno di NRF2019 che conferma tutti i trend che sono emersi negli ultimi tempi.

Nell’ultimo anno Amazon ha destato molta attenzione, tra l’altro, per le tecnologie di acquisto senza cassieri messe in funzione nei suoi negozi Amazon Go.

Questa modalità (checkout senza controlli) è di fatto già stata accettata come standard per le future esperienze di vendita al dettaglio, e si sviluppano molteplici tecnologie e soluzioni tendenti a tale risultato ( vedi TAP to Go, Casino per citarne alcuni) ed in NRF2019 ad esempio NCR presenta un suo prototipo di identificazione dei prodotti con telecamere avente lo stesso obiettivo.

Diversi gli stand che propongono sensori e telecamere (ancora in fase di perfezionamento) per l’identificazione dei comportamenti di acquisto e/o degli acquisti. (Farò post specifico sull’argomento)

Che sia la Shopping Experience centrale negli investimenti lo sottolinea anche l’accordo Microsoft e Walmart per l’utilizzo di Microsoft Azure e AI per aiutare Walmart a migliorare le esperienze in negozio. (In altro post parleremo anche del discorso fatto da Walmart domenica in apertura NRF2019)

In risposta a MicroSoft, SAP e Google Cloud hanno creato una partnership strategica simile che altri rivenditori potrebbero potenzialmente sfruttare, evidenziando che l’intero settore retail sta cercando di sfruttare le nuove tecnologie per migliorare e reinventare le esperienze di shopping al dettaglio per i propri clienti.

Vediamo allora quelli che potrebbero essere i trend principali secondo quanto emerge da NRF2019

Analytics e AI

La tendenza di archiviare ed analizzare tutti i dati possibili, raccogliendoli da ogni touch point ed integrandoli cresce sempre di più come cresce la costruzione di modelli AI sempre più evoluti.

Dall’utilizzo dei dati contestuali delle conversazioni di chatbot per creare chatbot ancora più intelligenti, all’apprendimento automatico generato dai sensori nella sezione di prodotti refrigerati del negozio di vicinato (per migliorare lo stoccaggio just-in-time di merci).

L’analisi in tempo reale con strumenti sempre più intelligenti e Smart, accoppiata con il potere del l’intelligenza artificiale è un tema enorme in NRF quest’anno.

I limiti per la maggior parte dei retailers saranno la loro capacità di raccogliere, elaborare, analizzare e agire sulla massa di dati a loro disposizione.

Questo è esattamente il motivo per cui i grandi player del cloud come Google, Microsoft, IBM e Amazon sono tutti in prima fila (anche come stand) ed al centro delle proposte di quest’anno.

Sono tutti lì per offrire il loro supporto e le loro tecnologie per aiutare ad abilitare l’intelligenza artificiale attraverso le loro rispettive soluzioni Cloud.

IoT

Siamo sempre a parlare di IOT.

Ormai sensori e i dati che creano sono fondamentali per migliorare sia la catena di fornitura al dettaglio che le esperienze di acquisto.

l’IoT è anche uno dei catalizzatori chiave per rendere le soluzioni di Analytics e di AI applicabili al mondo reale.

L’IoT è fondamentale per l’innovazione dell’esperienza del cliente

Uno degli annunci IoT dell’NRF di quest’anno è la partnership tra Kroger e Microsoft per due negozi pilota in Ohio e Washington dove sperimenteranno un nuovo concetto di RaaS (“Retail as a Service,” ) Utilizzeranno un sistema di scaffalature EDGE che combina l’IoT e diverse tecnologie per ridefinire l’esperienza di acquisto. (Anche di questo farò un post specifico)

Realtà aumentata e virtuale

La realtà aumentata (AR) e la realtà virtuale (VR) hanno diverse interpretazioni e diversi giudizi da parte degli operatori, mentre alcuni sono convinti del loro potenziale di trasformazione, (un italia penso alle sperimentazioni di Coop in tal senso) altri notano l’incapacità di entrambe le tecnologie di guidare una reale innovazione fuori dalle aree di nicchia come i giochi e le applicazioni industriali.

Dal mio punto di vista, tuttavia, nel Retail queste tecnologie sono destinate ad offrire grandi opportunità, diventando sempre più Smart e arricchite nei contenuti.

Personalizzare le scarpe, vedere come saranno i tuoi capelli, o vedere come apparirà un divano nel tuo salotto sono i tipici casi che AR e VR possono offrire.

L’opportunità di migliorare le esperienze dei clienti e creare valore senza massicci investimenti è sicuramente un opportunità per molti retailers

Omnichannel e Mobile:

Queste sono due tendenze che confluiscono e si supportano a vicenda.

Si parla di Omnichannel da anni, ma il lavoro da fare è ancora molto

Se guardiamo la realtà italiana le esperienze al dettaglio e di e-commerce sono state ancora un po ‘sconnesse.

L’idea di avere un unica modalità d’interfaccia con il consumatore, in tutti i touch point aziendali è ancora … lontana.

Costruire un sistema di esperienza del cliente end-to-end senza soluzione di continuità con software e processi tra loro molto diversi è un’impresa titanica.

Le tecnologie e le best practice si stanno evolvendo rapidamente e credo che il 2019 ci avvicinerà significativamente ai tipi di esperienze omnicanale senza soluzione di continuità che i rivenditori come Starbucks stanno proponendo.

Blockchain

C’è e c’è sempre e va menzionata

L’utilizzo nel quale più aziende investono è sicuramente quello della tracciabilità dei prodotti freschi

Un’idea che ha attirato già molti mesi fa la mia attenzione è stata il progetto di Carrefour e in questi giorni sto cercando di approfondire una partnership tra BLOCKv, CataBoom e Intel per utilizzare Blockchain e oggetti digitali gamificati per migliorare le esperienze di vendita al dettaglio.

La sintesi ? Tutte queste tecnologie continueranno a svilupparsi ed a convergere con unico obiettivo “trasformare ed arricchire l’esperienza di acquisto”.

Bose la Realtà aumentata .. da ascoltare

Bose propone un nuovo approccio alla realtà aumentata, passare da “vedere” ad “ascoltare”.

Con Bose AR, un prototipo di occhiali per la realtà aumentata, l’utilizzatore può ricevere informazioni in merito a quello che lo circonda attraverso dei messaggi vocali.

Sarà sufficiente inquadrare i luoghi per ricevere informazioni (e non immagini) che aumenteranno la percezione di quanto si osserva.

L’utilizzatore può interagire con il dispositivo attraverso differenti tipologie di azioni: da gesti eseguiti con la testa a tocchi sui lati degli occhiali fino a comandi vocali.

Gli occhiali, saranno connessi ad uno smartphone per sfruttarne il GPS integrato ed accedere alle informazioni provenienti dal web condividendone l’accesso alla rete dati.

Chissà se gli sviluppatori sceglieranno di supportare questa tipo di piattaforma ?

Bose dichiara di voler investire per supportarli 50 milioni di dollari, denaro dedicato a start-up che si impegnino a sviluppare apps, servizi e tecnologie da abbinare a questa  piattaforma AR proprietaria.

Per fare cosa?

Durante i viaggi, si potrebbe utilizzare questi occhiali per ricevere informazioni in merito ai luoghi che si frequentano, aggiornamenti in merito agli eventi in corso e contenuti storico geografici d’interesse. Guardo un quadro e ne ricevo un commento, guardo un palazzo e ascolto il racconto storico, guardo una statua e mi dice chi è e cosa ha fatto nella sua vita …

E ancora, inquadro qualsiasi cartello e/o insegna e ne ricevo la traduzione .. guardo un ristorante e ricevo le valutazioni di un social da me scelto …

La sfida è aperta e si fa interessante ..

…… mancherebbe sapere la “quotazione” di questi occhiali 😊.