Siete pronti per rilanciare il termine “Salute Sicura a 360°” a prodotti e mercati e punti di vendita? – RetailWatch

Aprile 2020. Il Papa nella benedizione Urbi et Orbi di venerdi 27 marzo ha detto che: “Abbiamo creduto di rimanere sani in un mondo malato e che eravamo malati di un complesso di superiorità”. Su questo concetto dobbiamo fare tutti autocritica e cercare di modificare comportamenti e attese, sia come…
— Leggi su www.retailwatch.it/2020/04/16/consumatore/siete-pronti-per-rilanciare-il-termine-salute-sicura-a-360-a-prodotti-e-mercati-e-punti-di-vendita/

Cibus 2018: il falso made in Italy nell’agro alimentare supera i 100 miliardi.

Oltre i 100 miliardi il valore del falso Made in Italy nel solo settore agroalimentare.

Sempre più spesso (+70% negli ultimi dieci anni) si utilizzano impropriamente parole, colori, località, immagini, denominazioni e ricette che si richiamano all’ Italia per alimenti taroccati che non hanno nulla a che fare con il sistema produttivo nazionale.

Negli USA le esportazioni italiane di agroalimentare valgono 4 miliardi di euro, in un mercato che rappresenta 27 miliardi di consumi “all’italiana”.

Mentre politicamente bisogna impedire che dazi e protezionismo blocchino e/o penalizzino le nostre esportazioni, nell’innovazione tecnologica dobbiamo pensare ad etichettature, portali d’informazione ed altre iniziative che tutelino le nostre eccellenze ed i nostri produttori. Continua a leggere “Cibus 2018: il falso made in Italy nell’agro alimentare supera i 100 miliardi.”